X

 

 

 

IL BLOG SUL DIGITAL FUNDRAISING

Archive by author: Pietro GiacchettiReturn

Progettista software, consulente per il terzo settore, inbound marketing certified, formatore sulle strategie web.
Per massimizzare le prestazioni, somministrare caffè ogni 4 ore.

Design tips for non profit: 10 regole su come usare il design per far fruttare siti e social

Quando si parla di design, la confusione, purtroppo, regna. Ponendo delle domande a persone del terzo settore che si occupa di comunicazione, aspetti grafici e produzione (dove il design è fondamentale) di solito le risposte sono confuse. Un mix di concetti estetici, fantasia e creatività, che però è ben lungi dal rappresentare veramente il valore di un buon design (e di un buon designer). Per cercare di diradare un po’ la nebbia, propongo un decalogo estrapolato da alcuni ottimi libri, che sc...
Vai all'articolo

2 trucchi psicologici per massimizzare la resa del fundraising

Le interazioni sociali influenzano il fundraising più di qualunque altro rapporto di tipo commerciale. Perché il dono è un attivatore di potenti effetti di coesione sociale, legati a meccanismi addirittura preistorici, che assicuravano l’unità delle prime comunità umane.
Vai all'articolo

Come aumentare le donazioni con i semplici test A/B

Per aumentare le donazioni alla propria causa, le strade sono poche: o si aumenta il numero di canali di fundraising o si aumenta la frequenza con cui si usano, cioè il numero delle campagne. La terza alternativa possibile è aumentare l’efficacia dei canali di fundraising. Cioè creare landing page che portano più persone alla donazione, lettere che hanno più risposte, email che vengono cliccate di più, eccetera eccetera.
Vai all'articolo

Come iniziare il fundraising digitale low cost (e facile)

Prima di tutto, perché ne vale la pena? La prima risposta è quella facile: perché è il primo mezzo con cui ci si finanzia e con cui ci si fa conoscere. Quindi è un gesto che aiuta nell’immediato, con dei soldini, ma anche in futuro, quando, parlando del vostro lavoro qualcuno potrà dire: “Li conosco!”. La seconda risposta è meno scontata: perché è un bel gesto nei confronti dei tuoi donatori. Un bel gesto perché consente loro di fare delle donazioni legalmente parlando e perché consente a tut...
Vai all'articolo

6 comandi per ordinare un database Excel ed esportarlo correttamente

Se Excel fa da padrone nei database di un’impresa (profit e non), prima o poi capita una cosa: il disordine. Non che il software in se sia disordinato: il problema è che non impone criteri di ordine all’utente. Quindi capita che chi per primo costruisce il database non ha lo stesso criterio di chi lo utilizza in un secondo momento. Oppure che più file Excel vengano fusi assieme, ciascuno con le sue caratteristiche.
Vai all'articolo

Previsioni Google SEO 2018 🔮

Google e i suoi algoritmi sono sempre irrequieti. L’evoluzione dei criteri di rilevanza dei contenuti è in uno sviluppo inarrestabile, grazie agli studi che vengono fatti costantemente dai tecnici di Cupertino. Le stesse interfacce cambiano, migliorando l’esperienza degli utenti e rendendo la ricerca sempre più intelligente e soddisfacente. Quindi sono sicuro che nel 2018 qualcosa sarà diverso. Siccome non ho la sfera di cristallo, ma solo un po’ di esperienza e di immaginazione, azzardo dell...
Vai all'articolo

Fai fundraising e hai un database su Excel!? Ti spiego come scegliere un nuovo strumento 👍

Mi capita di fare questa domanda/esclamazione un po’ troppo spesso, ultimamente. E la risposta è sempre la stessa: Sì, in qualunque caso, qualunque sia la dimensione della tua organizzazione, la tua mission e il modo in cui raccogli i tuoi fondi, tu hai bisogno di un database
Vai all'articolo

Landing Page: 5 consigli per costruire una pagina web che faccia donare

La landing page è la fine del percorso del donatore digitale. Immagina uno che scopre della tua causa perché un amico gli parla di te. Va a vedere su Facebook, cerca su Google, legge il tuo blog, decide di fare una piccola donazione e… Non trova il modo di farlo! A parte un minimo di frustrazione, il potenziale donatore non proverà particolari fastidi. Non ti chiamerà per chiederti come donare. Tirerà l’inconscia decisione che non hai bisogno dei suoi soldi e passerà oltre. Lo hai perso!
Vai all'articolo

Ricetta per un ottimo post social in 10 pratici step (Parte 2)

 Ricapitoliamo innanzitutto i primi 5 step: Coinciso e mordente Includi una call to action o un link Fai domande rilevanti e che facciano riflettere Includi sempre immagini o media Posta contenuti snackable (alta qualità, di veloce consumo)Vediamo ora i successivi 5 step per la creazione di post social attraenti ed efficaci.   6. Ingaggia tramite i commenti  I commenti non servono a sfogare le frustrazioni. Almeno, non solo a quello!Servono a raccog...
Vai all'articolo

Ricetta per un ottimo post social in 10 pratici step (Parte 1)

Postare con efficacia su un social media è un’arte. Troppe volte chi di lavoro fa il social media manager viene guardato con compassione dagli altri, come a dire: “Ma poveretto, questo sta tutto il giorno a postare su Facebook e pensa di avere un lavoro vero”.
Vai all'articolo

6 motivi per cui i social sono quello che serve alla tua non profit

Non penso che dovrei spiegare perché vale la pena di pubblicizzarsi tramite i social network. Infatti scommetto che tu, lettore, sei arrivato a queste righe passando da un social. Ma se per caso sei arrivato per altra strada, te lo dico: I social network vanno usati per il marketing e il fundraising perché sono praticamente fatti apposta. Perchè: 1) Sono delle piattaforme che hanno un pubblico potenziale enorme e dove, se usate bene, si può creare la base per raccogliere tutti i supporter che p...
Vai all'articolo
Pagina 1 di 2 PrimoPrecedente [1]2 Ultima

Benvenuti in Tech4NonProfit

Tech4NonProfit è il blog italiano di tecnologia, digital, design e web marketing dedicato al mondo del NonProfit. 
Fatto con amore per il terzo settore heart

 

      
 

 

#Tech4NonProfit su Twitter