X

 

 

 

IL BLOG SUL DIGITAL FUNDRAISING

31ago

7 step per la costruzione del blog di una Non Profit

 

Ti stai chiedendo perché dovresti aprire un blog? Quale guadagno porta alla tua organizzazione? I benefici sono tanti, anche se molti difficilmente raggiungibili nel breve periodo. Ma d'altronde avere anche solo un visitatore in più al giorno è sempre meglio che non averne.

  • Il blog aiuta a fornire rapidamente informazioni e notizie sulla tua organizzazione e sulla tua causa

  • Aiuta ad attrarre più visitatori

  • Incrementa l’autorità del tuo sito. I motori di ricerca premiano i siti che forniscono materiale nuovo ed aggiornato. È il modo migliore per scalare posizioni!

  • Facilita il tuo lavoro: pensa ad esempio a quanto ci metteresti per lanciare campagne social o newsletter

  • Aiuta a far conoscere il lato umano dell’organizzazione

  • Il blog può essere divertimento! Non c'è una ricetta universale nella creazione di un blog di successo, ma c'è un elemento che non può mai mancare: la creatività 

 

 Operativamente, quali sono le tappe da seguire per la costruzione di un blog di successo?

 

1. Definiamo la donor persona

 La donor persona è il prototipo di donatore che più si avvicina ai nostri ideali.

Intorno ad essa va costruito tutto il contenuto da pubblicare.

 

2. Scegliamo le keyword rilevanti per la donor persona

Un blog di successo si basa sulla creazione di materiale utile e coinvolgente, ma anche il miglior articolo non verrà letto se risponde a una domanda che nessuno sta chiedendo. Occorre sapere esattamente ciò che sta cercando la nostra donor persona. Di fondamentale importanza è la ricerca sulle parole chiave. Cerca di immedesimarti nella tua donor persona: che parole userebbe? Sono parole usate effettivamente? E perché no, osserva cosa scrivono gli altri. Tieni d'occhio le keyword che più spesso vengono utilizzate da siti, blog, social del settore.

Sfrutta i tanti strumenti (gratuiti e non) che aiutano a capire il valore di una keyword:

  • La frequenza con cui viene cercata

  • La concorrenza

  • La difficoltà di posizionamento

Tanto per citarne alcuni: i suggerimenti automatici di Google, Answerthepublic, lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google AdWords, SEMrush, SEOZoom, KWFinder.

In generale, la prima regola è: non utilizzare parole chiave troppo corte e generiche. Su queste c’è molta concorrenza ed è di conseguenza difficile scalare la search. Considera solo le cosiddette parole chiave dalla coda lunga.Keyword dalla coda l...

 

La parola ideale ha un gran numero di ricerche, una bassa concorrenza e non esiste. Occorre trovare qualcosa che ci si avvicini.

 

 3. Scriviamo i titoli degli articoli

Partendo dalle keyword dalla coda lunga iniziamo a buttare giù dei titoli.

Non dilungarti troppo con i titoli, Google infatti mostra solo i primi 50-60 caratteri nei risultati di ricerca. Un buon titolo non va oltre le 7-8 parole.

 

4. Prepariamo un piano editoriale

È qui che bisogna porsi degli obiettivi.

Non importa quali essi siano (se aumentare il numero di sottoscrizioni alla newsletter, o incrementare il traffico di visitatori), l'importante è che tali obiettivi siano SMART (Specific, Measurable, Attainable, Relevant, Time), ovvero:

  • Specifici
  • Misurabili
  • Raggiungibili
  • Rilevanti per l’intera organizzazione
  • Devono avere una conclusione

Un esempio di obiettivo SMART può essere: aumento del 30% del traffico complessivo del sito web dal blog. Da 10.000 visitatori a 13.000 visitatori, entro il 20 novembre 2017.

 

 5. Ottimizziamo i contenuti

Qui si entra nella fase operativa.

Ogni articolo va ottimizzato con l’obiettivo di posizionarli in alto nei motori di ricerca. Inserisci:

  • Almeno un’immagine, senza dimenticare il testo alternativo dell'immagine. L'attributo alt text viene utilizzato quando l'immagine per qualche motivo non è disponibile. L'importanza di questo tag viene spesso sottovalutata: innanzitutto è fondamentale per le persone con problemi visivi, i quali "leggeranno" attraverso questo tag la descrizione dell'immagine; inoltre l'alt text è uno degli elementi sfruttati da Google per classificare le immagini. Ricorda di inserire la tua keyword nel testo alternativo, insieme ad una breve frase descrittiva dell'immagine.
  • Le tue keyword nel titolo e nel testo
  • Meta descrizione (sotto i 160 caratteri) e titolo (non più di 8 parole) delle giuste dimensioni
  • Link interni nell’articolo. Cerca sempre di collegare i tuoi post attraverso link interni, e se devi inserire link a siti esterni fai in modo che siano link rilevanti.

Tieni bene a mente che tendenzialmente nessuno legge i testi. La formattazione deve rendere i testi scansionabili.

Gli spazi bianchi sono tuoi amici.

I testi vanno spezzati e resi leggibili con l’aiuto di intestazioni, bullet, liste, link, grassetto.

 

Cosa raccontare nel blog?

Evitiamo di essere autoreferenziali, ma cerchiamo di offrire contenuti educativi. Il punto non è cosa ci piace dire. È cosa piace sentire al donatore. Focalizza ciò di cui parli su:

  • Ciò che angustia i vostri donatori
  • Quello che desiderano
  • Come potete aiutarli a cambiare il mondo

fornendo loro informazioni per accrescere il loro interesse nei confronti della mission.

L'obiettivo di ogni articolo del blog è convincere uno sconosciuto a venire da noi e restarci. Il processo di conversione inizia proprio da qui: ogni post deve offrire qualcosa di utile al visitatore, che sia un ebook, un whitepaper, o anche solo informazioni utili sull’organizzazione. Occorre chiedersi: cosa interessa alla nostra Donor Persona?

In ogni articolo va inserita una call to action che rimandi ad una landing page con l’offerta da dare al visitatore. Ultima tappa del processo: ringrazia!  

 

6. Prepariamo i social

Affinché il tuo blog raggiunga il suo pieno potenziale, deve essere abbinato ad una grande strategia social. Ogni singolo articolo del blog deve essere facilmente condivisibile dal tuo pubblico. Ricorda: non occorre essere presente su tutti i social, ma solo su quelli in cui la tua Donor Persona è più attiva.

Sii creativo nella produzione dei post social: tieni a mente che i contenuti accompagnati da immagini ottengono il 94% in più di visualizzazioni, i messaggi contenenti video ottengono il 1200% in più di condivisioni. Tradotto: i contenuti visivi spingono il pubblico ad agire.

tweets-with-images

 

7. Misuriamo

Ogni singola attività nel blog va monitorata e misurata, in modo da capire cosa funziona e cosa no.

Equipaggiati di strumenti utili alla misurazione, tenendo presente che un buon traguardo è avere 1-2% di click-through rate sulle call to action (quanti cliccano), 10% di click to submissions (quanti forniscono i propri dati), e 20% di tasso di conversione sulle landing page.

 

 

Mantenere un blog è un'attività lunga e difficilmente si riesce ad arrivare a risultati di rilievo nel breve periodo. Ma il consiglio che diamo è: mai mollare. Costruire un blog non è diverso dal costruire un business di successo. Occorre tempo e duro lavoro. Il punto sta nell'essere persistenti e coerenti con il proprio programma di pubblicazione.

Sperando che questa piccola guida ti sia d’aiuto, ti ricordo che abbiamo preparato il template per la costruzione della donor persona, in modo che tu possa partire al meglio dal punto #1.

 

 

 

Donor Persona

 

About the Author

Matteo Leni

Web marketer in Agevis.
Soccer lover. Passionate on digital & design.
Favorite movie: The Shawshank Redemption

Related

Il 2017 di Techsoup Italia

Il 2017 di Techsoup Italia

Techsoup Italia è il programma che permette alle organizzazioni non profit di avere accesso in manie...

6 elementi indispensabili per il sito web di una Non Profit

6 elementi indispensabili per il sito web di una Non Profit

Nel terzo settore non si può più ignorare il potenziale di un buon sito web: dalle donazioni ai rinn...

Fatto con amore💓per il terzo settore

Fatto con amore💓per il terzo settore

Tutti meritano un’opportunità di far parte di qualcosa di grande. Non è forse qualcosa che ribadisc...

Donazione regolare? Meglio! Come ottenere donazioni digitali regolari

Donazione regolare? Meglio! Come ottenere donazioni digitali regolari

Ci sono un sacco di cose che è meglio che siano regolari, per esempio la digestione, il battito card...

Racconta e raccogli: esempi di storytelling fundraising per principianti

Racconta e raccogli: esempi di storytelling fundraising per principianti

Esco in questo momento in cui sto scrivendo da una discussione su una campagna, fatta con dei respon...

Come aumentare le donazioni con i semplici test A/B

Come aumentare le donazioni con i semplici test A/B

Per aumentare le donazioni alla propria causa, le strade sono poche: o si aumenta il numero di canal...

Post a Comment

Benvenuti in Tech4NonProfit

Tech4NonProfit è il blog italiano di tecnologia, digital, design e web marketing dedicato al mondo del NonProfit. 
Fatto con amore per il terzo settore heart