X

 

 

 

IL BLOG SUL DIGITAL FUNDRAISING

13lug

Il glossario del digital fundraiser

 

  • A-C
  • D-E
  • F-K
  • L-N
  • O-R
  • S-Z

√ą¬†un test che consiste nel fornire al pubblico due versioni di uno stesso elemento (che pu√≤ essere una CTA, una landing page, un immagine,..) per capire quale delle due funziona meglio. Il parametro valutato √® solitamente il tasso di conversione

Software aggiuntivo capace di ampliare le funzionalità di un applicativo

Il principio di Pareto applicato alla racolta fondi stabilisce che l'80% delle donazioni proviene dal 20% dei donatori

Segmenta il database dei donatori sulla base di 3 fattori: recenza, frequenza, monetary (quanto hanno donato)

La replicazione su un qualunque supporto di memorizzazione di materiale informativo archiviato nella memoria di massa dei computer, al fine di prevenire la perdita definitiva dei dati in caso di eventi malevoli accidentali o intenzionali

Una lista di persone cui non vanno inviate comunicazioni o campagne 

Siti o sezioni di siti che hanno lo scopo di condividere flussi continui di informazioni al pubblico

Punto in cui costi e ricavi si equivalgono (utile = 0)

Sono correzioni di eventuali errori di un software

Si tratta di pulsanti e link inseriti in un sito, in un blog, in una mail, che promuovono un'offerta e rimandano ad una landing page

√ą un¬†tasso¬†che misura l'efficacia di una¬†campagna¬†on-line. Corrisponde al rapporto tra il numero di click e il numero di impressions, cio√® il numero di visualizzazioni dell'annuncio da parte degli utenti

I CMS sono software studiati per facilitare la gestione dei contenuti di un sito web, utilizzabili senza particolari conoscenze di programmazione. Alcuni esempi di CMS sono WordPress, Joomla!, Drupal, DotNetNuke

Possono essere considerate le tracce che si lasciano sui server di siti web al passaggio nella rete. Permettono di memorizzare dati utili alla sessione di navigazione, come il login o come le preferenze sull'aspetto grafico o linguistico del sito. 

La sicurezza di un cookie dipende generalmente dalla sicurezza del sito che lo emette, dal browser web dell'utente, e dal livello di crittografia del cookie stesso

Sono software utilizzati dai motori di ricerca per analizzare i contenuti della rete in maniera automatica.

√ą il processo con cui pi√Ļ persone conferiscono somme di denaro¬†per finanziare un progetto imprenditoriale o iniziative di diverso genere utilizzando siti internet o portali dedicati¬†

Insieme di grandi quantità di informazioni tra loro omogenee, organizzato in modo da permettere una rapida ricerca al suo interno

Donazioni in ricordo di una persona defunta

Colui che ha effettuato almeno una donazione di qualsiasi natura, ma di cui non siamo sicuri sulle prossime donazioni

Colui di cui abbiamo certezza del prossimo e regolare arrivo di una donazione.

√ą¬†un ottimo tipo di donatore perch√© consente una pianificazione delle attivit√† e degli investimenti

 

√ą il tasso di donatori persi in un determinato lasso di tempo, calcolato sui donatori acquisiti (√® l'inverso della donor retention)

√ą il ‚Äúviaggio del donatore‚ÄĚ,¬†cio√® il percorso che questo potenziale donatore intraprende, dal momento in cui conosce dell‚Äôesistenza della vostra organizzazione, a quello in cui decide di sostenerla attivamente.

Il donatore attraversa tre situazioni differenti durante il suo avvicinamento alla decisione di dono:

  • La consapevolezza, la coscienza di questo bisogno/opportunit√†

  • La considerazione, la valutazione dei modi in cui risolverla

  • La decisione, cio√® la scelta di un determinato impegno, offerto da una Non Profit in particolare

 

Le Donor Persona sono rappresentazioni semi-fittizie dei tuoi donatori ideali, basate su:

  • Dati reali

  • Ipotesi sulla loro demografia, sulle loro motivazioni, sui loro obiettivi e sui loro comportamenti

Le Donor Persona aiutano l'organizzazione a identificare i diversi tipi di donatori e guidare la creazione di contenuti, campagne, eventi, con l’obiettivo di costruire relazioni durature.

 

Può essere definita come l’arte di coltivare i rapporti con nuovi donatori e di assistere i donatori attuali al fine di massimizzare la ritenzione, l'impegno e gli investimenti dei donatori.

Un DRM è composto da 2 elementi:

  • Un database, cio√® un¬†deposito di dati, pi√Ļ o meno complesso e approfondito

  • Dei processi di coltivazione (blog, SEO, newsletter, CTA, landing page,...)

 

√ą la misura di quanti donatori continuano a donare alla vostra organizzazione. Le Non Profit con un alto tasso di Donor retention hanno sostenitori regolari che tornano di anno in anno. Le Non Profit con una bassa percentuale di Donor retention devono invece continuamente acquisire nuovi donatori.

Se 1.000 persone hanno donato alla tua organizzazione nel 2015 e solo 400 di questi 1.000 hanno fatto una donazione nel 2016, il tasso di Donor retention corrisponde al 40%

√ą un contenuto di un sito web ritenuto dai motori di ricerca copiato da altri siti

√ą un tipo di marketing diretto che usa la posta elettronica come mezzo per comunicare messaggi, commerciali e non, al pubblico

Letteralmente "pianificazione delle risorse d'impresa", è un sistema di gestione che integra tutti i processi di business rilevanti di un'azienda (vendite, acquisti, gestione magazzino, contabilità etc.)

SI tratta di un dialogatore che per la strada cerca di convincere i passanti ad aderire a determinati programmi di donazione

Consiste in un’azione di marketing mirata a rafforzare una precedente

√ą l'interfaccia¬†che consente all'utente di inserire e inviare al¬†web server¬†uno o pi√Ļ¬†dati¬†liberamente digitati dallo stesso.¬†√ą l'elemento che non pu√≤ mai mancare all'interno di una landing page

Colui che ha impatto misurabile nelle finanze o nell’operatività della Non Profit.

√ą¬†il pi√Ļ rilevante nel panorama del sostegno dell' organizzazione.

Assomiglia per certe qualità al donatore corporate.

√ą¬†parte del¬†database ma non si pu√≤ pi√Ļ trattare solo per mezzi digitali, ma merita di essere seguita singolarmente in modo dedicato.

 

Non √® altro che il¬†titolo di una pagina (H1), fondamentale per suddividere i contenuti di un sito con lo scopo di renderli pi√Ļ leggibili.¬†√ą consigliato inserire le keyword nelle headlines, in modo da ottimizzare il loro utilizzo per i motori di ricerca

√ą il testo alternativo delle immagini, utilizzato¬†quando non √® fruibile l‚Äôimmagine stessa

L'Indice Gulpease¬†√® un indice di¬†leggibilit√†¬†di un testo tarato sulla¬†lingua italiana. Esso considera due variabili linguistiche: la lunghezza della parola (numero di sillabe) e la lunghezza media della frase (numero delle sue sillabe diviso il numero delle parole). I risultati della formula oscillano su una scala di valori compresi tra 0 e 100, dove il valore "100" indica la leggibilit√† pi√Ļ alta e "0" la leggibilit√† pi√Ļ bassa. Qui per calcolare l'indice

√ą il processo svolto dai motori di ricerca che prevede l'inserimento di una pagina web nell'archivio dei siti del motore stesso

Sono le parole inserite nei motori di ricerca dagli utenti inerenti ai contenuti che intendono trovare. Le parole chiave stanno alla base del SEO e guidano la creazione dei contenuti 

L' indicatore chiave di prestazione serve a capire in che misura gli obiettivi prefissati operativi e strategici di un'organizzazione vengono raggiunti.

√ą la pagina a cui si arriva dopo aver cliccato su una CTA e che permette al visitatore di compiere l'azione¬†cui era stato invitato.

Essenzialmente sono pagine di un sito web progettate per convertire visitatori in contatti. L’elemento base di ogni landing page è il Form

Attribuzione di un bene mediante testamento

√ą l'utente che ha deciso di fornire i propri dati personali in cambio di informazioni di suo interesse (iscrizione alla newsletter, richiesta di un ebook,...)

Generazione di contatti di persone potenzialmente interessate alle attività della ONG, principalmente da canali online

Indica il livello di esplorabilità del sito web. La presenza di link interni al sito e di rimandi esterni da siti autorevoli aiuta i crawler ad aumentare l'autorevolezza del sito

Valore nel tempo considerando costi, ricavi e donatori persi

√ą la descrizione che appare nella pagina dei risultati di ricerca. Una buona meta description non va oltre i 160 caratteri e contiene le keyword riferite al contenuto¬†

La mission di un'organizzazione è il suo scopo ultimo, la giustificazione stessa della sua esistenza, e al tempo stesso ciò che la contraddistingue da tutte le altre

√ą un aggiornamento informativo periodico che un'azienda¬†invia ai propri clienti riguardo alle proprie attivit√†

Processo attraverso cui tutti i contenuti di un sito (testi, immagini, CTA,..) vengono corretti e migliorati con lo scopo di scalare posizioni nei motori di ricerca

√ą una breve frase che si accompagna al logo di un organizzazione e che ne riassume i valori e l'identit√†

Trasferimento di fondi dal conto corrente postale dell'ordinante a quello di un altro correntista

√ą un documento che informa gli utenti di un sito circa la modalit√† e la finalit√† della raccolta dei loro dati¬†

Colui che richiede attivamente informazioni. Anche se non ha ancora donato, il Prospect mostra interesse al punto da fornire i suoi dati.

Si possono individuare i prospect:

  • Fra i follower
  • Fra gli iscritti alla newsletter
  • Fra i partecipanti registrati agli eventi
  • Fra chi chiede informazioni

Il prospect non ha donato, ma è già inserito nel database della Non Profit. Quindi può essere soggetto a campagne specifiche sulla base dei suoi dati noti (email, città, riferimento interno,...)

√ą la variante in due dimensioni del codice a barre.¬†Viene impiegato per memorizzare informazioni generalmente destinate a essere lette tramite un¬†telefono cellulare¬†o uno¬†smartphone

Indica il tempo trascorso dall‚Äôultima donazione ad oggi.¬†Pi√Ļ tempo passa meno il donatore sar√† sensibile ad altre sollecitazioni

Indica la tecnica di web design che consente alle pagine di un sito di riadattarsi in funzione dell’ambiente nei quali vengono visualizzate

√ą l'indice di redditivit√† del capitale investito.¬†√ą dato dal rapporto¬†tra il¬†risultato operativo globale conseguito in un certo esercizio e il¬†capitale investito¬†in media¬†nel corso dello stesso esercizio

Software as a service è un modello di distribuzione del software applicativo dove un produttore di software sviluppa, opera e gestisce un'applicazione web che mette a disposizione dei propri clienti via Internet

Dividere il pubblico in categorie, in base ai profili, ai comportamenti, alle preferenze

Con il termine ottimizzazione per i motori di ricerca si intendono tutte quelle attività volte a migliorare la visibilità di un sito web sui motori di ricerca al fine di migliorare il posizionamento nella SERP

La Search Engine Results Page è la pagina a cui un utente viene reindirizzato dopo aver effettuato una ricerca su un motore di ricerca come Google. Il posizionamento nelle SERP è oggetto di notevole competizione a causa della visibilità che le prime posizioni garantiscono ad un sito

La barra laterale è la colonna verticale presente ai lati di una pagina web, che può contenere varie tipologie di contenuti come banner, inviti a eventi, news, link,...

Forma di donazione che utilizza l'invio di un SMS di costo variabile che consente di poter donare con facilità piccole cifre

Si tratta di una pagina iniziale, esibita prima che il visitatore acceda alla pagina principale del sito. Utile ad esempio quando si ha un sito multilingua e si vuole far scegliere la lingua

Indica genericamente un soggetto (o un gruppo di soggetti) influente nei confronti di un'iniziativa economica, che sia un'azienda o un progetto

√ą l‚Äôattivit√† di narrare per comunicare pensieri, emozioni, esperienze o pi√Ļ in generale messaggi, a degli ascoltatori, tramite un¬†processo di immedesimazione

√ą il rapporto tra il numero dei visitatori che accedono ad una pagina (o sito web) e quanti di questi compiono una determinata azione

Rappresentano la fase finale del processo di conversione, e servono a fornire il contenuto da te promesso nella landing page. Oltre a ringraziare il visitatore sono utili per fornire del contenuto aggiuntivo

Rappresenta la sommatoria delle emozioni, delle percezioni e delle reazioni che una persona prova quando quando si interfaccia con un prodotto o servizio.

In riferimento alla Donor Experience (DX) l'obiettivo è fornire al donatore un’esperienza semplice, gratificante e unica

 

Colui che sappiamo esistere e interessarsi a quanto propone la Non Profit.

Si distingue dalla massa di naviganti web perché crea dei numeri misurabili.

Non esce dall’anonimato e non effettua azioni a favore della non profit. Spesso coincide con donatori che però non appartengono al database

√ą un flusso di email automatiche inviate in base al comportamento e alle azioni compiute da un utente online

Editor HTML incorporati nelle pagine web che permettono di modificare pagine web non dal codice, bensì in un contesto puramente grafico

 

 

About the Author

Matteo Leni

Web marketer in Agevis.
Soccer lover. Passionate on digital & design.
Favorite movie: The Shawshank Redemption

Related

Il 2017 di Techsoup Italia

Il 2017 di Techsoup Italia

Techsoup Italia è il programma che permette alle organizzazioni non profit di avere accesso in manie...

Fai fundraising e hai un database su Excel!? Ti spiego come scegliere un nuovo strumento

Fai fundraising e hai un database su Excel!? Ti spiego come scegliere un nuovo strumento

Mi capita di fare questa domanda/esclamazione un po’ troppo spesso, ultimamente. E la risposta è se...

Come migliorare la comunicazione usando immagini vettoriali

Come migliorare la comunicazione usando immagini vettoriali

Una buona comunicazione passa (anche) per un logo ben fatto. Siamo immersi nell’era digitale, il no...

8 strumenti low cost per far decollare il marketing della tua Non Profit

8 strumenti low cost per far decollare il marketing della tua Non Profit

Abbiamo raccolto per te alcuni strumenti utili per rendere le tue campagne di fundraising pi√Ļ incisi...

Facebook, gruppi e fundraising. Intervista a Riccardo Friede!

Facebook, gruppi e fundraising. Intervista a Riccardo Friede!

Ci siamo confrontati con Riccardo Friede, di Fundraising Km Zero, su un tema in cui lui ha sempre di...

7 step per la costruzione del blog di una Non Profit

7 step per la costruzione del blog di una Non Profit

Pazienza, passione, coerenza, ottimizzazione, creatività, conoscenza della tua Donor Persona. Questi...

Post a Comment

Benvenuti in Tech4NonProfit

Tech4NonProfit √® il blog italiano di tecnologia, digital, design e web marketing dedicato al mondo del NonProfit. 
Fatto con amore per il terzo settore heart