X

 

 

 

IL BLOG SUL DIGITAL FUNDRAISING

15feb

Come migliorare la comunicazione usando immagini vettoriali

 

Una buona comunicazione passa (anche) per un logo ben fatto. Siamo immersi nell’era digitale, il nostro sito è il nostro primo biglietto da visita e il logo ne fa parte. Per questo un fundraiser che deve porsi il problema di un sito ben fatto deve pensare anche a un logo ben fatto.

 

Diciamoci la verità: i siti con i loghi sgranati danno una pessima immagine della nostra organizzazione. È come invitare qualcuno a casa propria e avere il muro dell’ingresso scrostato: fa cattiva impressione. Pessima immagine equivale a poca professionalità, poca professionalità equivale a meno donazioni. Questo vuol dire che avere un logo fatto male peggiora le nostre prestazioni di raccolta.

 

Quello di cui hai bisogno è un logo in formato vettoriale. Non sai neanche di cosa stiamo parlando? Niente paura, è più facile di quanto pensi.

 

 

Cos’è un logo vettoriale e quali sono i suoi vantaggi

 

 

  1. Ciò che rende importante il formato vettoriale è la sua differenza col formato raster. Spesso le immagini o i loghi che vediamo sono in formato raster (o bitmap) e sono composte da pixel: più quest’immagine viene zoomata, più risulterà sgranata (o pixellata). Il grande vantaggio dei loghi in vettoriale, invece, è quello di essere scalabili. Ovvero, possono essere zoomati all’infinito e non risentirne in qualità. Questo perché sono composti non da pixel ma da forme geometriche (linee, punti, curve) e quindi risultano sempre perfettamente nitidi.


    logo-vettoriale

     
  2. I loghi in formato vettoriale ti consentono di cambiare facilmente i colori all’interno e giocare con i colori di sfondo.


    logo-vettorialelogo-vettoriale

     
  3. Un logo in vettoriale può essere posizionato su un qualsiasi sfondo di presentazioni e flyer senza ottenere quell’imbarazzante effetto francobollo, con l’impressione di un elemento estraneo appiccicato sullo sfondo.


    logo-vettoriale

     
  4. Il logo vettoriale può essere stampato su superfici di qualsiasi dimensione e materiale: da biglietti da visita a cartelloni pubblicitari, passando per insegne luminose, vetrofanie, adesivi. Il tutto senza perdere la nitidezza!

 

Fantastico, no?

 

 

 

Come vettorializzare un logo

 

Solitamente per vettorializzare un’immagine si usano programmi quali Photoshop o Adobe Illustrator, che sono riservati agli esperti di grafica perché sono molto complicati. Ma esistono anche prodotti web facili e adatti a tutte le esigenze, ne consiglio due:

 

👉 Il primo è VectorMagic. Consente rapidamente di convertire immagini dal formato bitmap al formato SVP, EPS E PDF. La versione web circa 8 dollari al mese (il costo di una pizza) e si può disdire in ogni momento. Si può pagare l’abbonamento per un mese, convertire tutti i nostri loghi dal formato raster a quello vettoriale e poi disdire. In questo modo minimo investimento, massima resa.

 

👉 Il secondo sito è Vectorizer. Ha tutte le qualità del sito descritto sopra ma c’è una differenza rispetto al prezzo: il basic plan costa 25 euro all’anno. Con un piccolo trucco molto comodo per chi ha poche cose da rendere vettoriali: ci si può loggare con Facebook, Twitter o Google e utilizzare il prodotto gratuitamente per 31 giorni. Un tempo più che sufficiente a convertire tutto quello che ci serve, gratis!

 

 

 

Donor Persona

 

 

About the Author

Francesca Romana Zurlo

Scienziata politica, curiosa per natura, fundraiser per passione. 
Dipendente dall'arancione e dal tè alla pesca. 
Nel tempo libero smonta e rimonta oggetti.

Related

Come creare Donor Retention con i workflow

Come creare Donor Retention con i workflow

Se sei un fundraiser potrebbe esserti già capitato di sentire l’espressione anglofona “Donor Reten...

Come iniziare il fundraising digitale low cost (e facile)

Come iniziare il fundraising digitale low cost (e facile)

Prima di tutto, perché ne vale la pena? La prima risposta è quella facile: perché è il primo mezzo c...

Cos’è il Donor Journey e perché occorre voler bene al donatore dall’inizio alla fine

Cos’è il Donor Journey e perché occorre voler bene al donatore dall’inizio alla fine

Abbiamo già parlato di Donor Persona, cioè del nostro donatore ideale, colui che ci aspettiamo doni ...

Fai fundraising e hai un database su Excel!? Ti spiego come scegliere un nuovo strumento 👍

Fai fundraising e hai un database su Excel!? Ti spiego come scegliere un nuovo strumento 👍

Mi capita di fare questa domanda/esclamazione un po’ troppo spesso, ultimamente. E la risposta è se...

Email newsletter per Non Profit: Best practice 📧

Email newsletter per Non Profit: Best practice 📧

Le email sono uno strumento eccezionale per rimanere in contatto con i propri sostenitori, poiché pe...

Enjoy the Toolkit!

Enjoy the Toolkit!

Abbiamo lanciato il Digital Fundraising Toolkit. Una directory di strumenti e risorse. Un punto di...

Post a Comment

Benvenuti in Tech4NonProfit

Tech4NonProfit è il blog italiano di tecnologia, digital, design e web marketing dedicato al mondo del NonProfit. 
Fatto con amore per il terzo settore heart